MuseoArcheologicodellaValTidone

Saggi di scavo negli anni 1995-1997 su un pianoro presso Arcello hanno riportato alla luce i resti pertinenti ad una villa rustica. Nonostante le strutture risultassero alterate da un’antica frana è stato possibile individuare diversi ambienti.

Il ritrovamento di suspensurae e la forma absidata di uno degli ambienti hanno consentito di ipotizzare la presenza di un impianto termale, favorito dal sistema di canalette in laterizi.

Altri elementi attestano la ricchezza della villa: frammenti di intonaci dipinti a vivaci colori, numerose tessere bianche e nere da ricondurre a mosaici pavimentali, i resti di un pilastro appartenente ad un porticato, frammenti di lastre in vetro per finestre.

Attraverso il materiale ceramico è possibile definire la cronologia della villa che, costruita in età augustea, venne abitata durante tutta l’età imperiale fino al V sec. d.C.

Tale tipologia di reperti testimonia i contatti che i proprietari della villa dovettero avere con tutta la penisola e documenta la vivacità dei traffici commerciali a cavallo tra la fine del I sec. a.C. e il I sec. d.C.

Home

Dove siamo

Visita veloce

Visita virtuale

Didattica

Contattaci

News e iniziative

Link utili

Archivio

Mappa del sito